Tecnologie senza scavo: il futuro degli interventi sui sottoservizi

Dal punto di vista ambientale, le tecnologie no-dig rappresentano il futuro delle tecniche di intervento sui sottoservizi. I lavori eseguiti con scavi tradizionali, infatti, presentano delle problematiche dal punto di vista ambientale e della sicurezza.

Pensiamo alla necessità di utilizzare macchinari ingombranti e rumorosi: durante gli interventi si producono polveri e materiali di risulta che provocano inquinamento dell’aria e che devono essere smaltiti in modo particolare. Grazie all’uso di tecnologie senza scavo si producono meno meno polvere e detriti che si disperderebbero nell’atmosfera. Inoltre, i lavori di scavo tradizionale hanno l’effetto collaterale di indebolire il terreno nella zona in cui si opera, il che può provocare frane o slittamenti in caso di condizioni climatiche avverse. L’uso di tecnologie trenchless prevede che si lavori al di sotto della superficie, senza intaccare il terreno, riducendo enormemente il rischio di un potenziale disastro per gli abitanti e le loro proprietà.

Perché scavare se esistono soluzioni alternative?

I nostri Servizi

  • Risanamento delle condotte con tecnologia sliplining
  • Autospurgo delle condotte idrico-fognarie
  • Sostituzione tubazioni e condotte per frantumazione – pipe bursting
  • Risanamento con tecnologia cipp
  • Video-ispezione delle condotte
  • Rigenerazione dei pozzi con tecnologia hydropuls
  • Impermeabilizzazioni con polyurea